Dialogo tra un contemporaneo e la speranza

Image

Come puoi creare il paradiso da quest’inferno di scomodità che ci fa ribollire nel fango della disoccupazione, della crisi, della falsità, con quella voce abbronzata di polvere e quei tuoi occhi sordi di luce e chiarezza?

Io sono il creatore. Nelle vostre anime tormentante intingo la mia penna, nelle frasi partorite stringo l’ombra di bieche decisioni e le tramuto in leggi. Nell’illusione vi eleggo abietti, succubi, convenientemente schiavi, emancipandovi da quell’incubo che chiamate libertà che imprigiona il ciglio del vostro secolo.

Vuoi liberarci dall’impossibilità di scelta impedendoci di decidere?

Lo avete fatto voi, invocandomi…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: